10/11/2013

Presma S.p.A.

Presentiamo al nostro stand

PRO 400/100, una pressa ad iniezione orizzontale con gruppo di chiusura a 4 colonne del tipo a pistone diretto da 400 ton. progettata e realizzata dalla stessa Presma. Le caratteristiche principali sono rappresentate dai piani portastampo riscaldati in acciaio da 700x700 mm. con un passaggio colonne di 600x600 mm. e dal piano mobile dotato di estrattore centrale e laterale sincronizzati rispettivamente da 100 e 350 mm. di corsa. La corsa di avvicinamento stampi è di 600 mm. e la massima distanza tra i piani è di 750 mm. Il gruppo di iniezione del tipo a doppio cilindro di iniezione a carro fisso, con rotazione vite ad azionamento elettrico mediante motoriduttore ed inverter, è del tipo FIFO da 1000 cm3 con una pressione specifica da 2000 bar; è inoltre dotato di doppio circuito per termoregolazione della camera di plastificazione e della camera di iniezione + ugello con la possibilità di estrazione punzone di iniezione per la pulizia dello stesso. Il controllo della corsa di iniezione mediante trasduttore lineare. La pressa è predisposta per il montaggio di sistemi di alimentazione della gomma a bandella o di silicone in pani. Per la pulizia dello stampo è stata adottata una spazzola con regolazione posizionamento e rotazione ad azionamento elettrico.


PRESMALL SC 6 è la seconda pressa esposta e rappresenta un evoluzione della versione presentata al recente PLAST. Le caratteristiche principali che la differenzia dal modello precedente è la chiusura senza colonne da 6 tonnellate e un controllo multi asse in grado di gestire fino ad un massimo di 16 assi (5 in dotazione standard per iniezione e chiusura). Grazie all’impiego di una rete in fibra ottica ad alta velocità e di encoder ad alta risoluzione, il controllore della macchina verifica e adegua tempestivamente la posizione di ogni attuatore ogni 0,44 millisecondi, garantendo precisioni di posizionamento nell’ordine del decimo di micron. Gli encoder assoluti dispongono di batteria di backup che permette di evitare la calibratura dello zero normalmente necessaria all’accensione delle macchine elettriche.Un pannello touch screen a colori con interfaccia grafica semplice ed intuitiva permette l’impostazione dei parametri di lavoro, la diagnostica degli allarmi, il rilevamento e la storicizzazione dei parametri salienti della produzione.Questo modello può essere attrezzato con un gruppo d’alimentazione per gomma o silicone, sia liquido che solido.


La terza pressa è la VEMIX SC80, una “80 tonnellate con chiusura verticale senza colonne e gruppo iniezione verticale ad azionamento idraulico.I piani portastampo sono da 700 x 400 mm e la distanza massima tra i piani è 470 mm. L'unita di chiusura è composta da 4 cilindri idraulici, due hanno la funzione di effettuare il movimento di avvicinamento del piano mobile superiore e sono posizionati al fianco di altri due cilindri di dimensioni maggiori che hanno la funzione di effettuare la chiusura stampo con la massima forza. Il piano fisso (inferiore) è vincolato solidamente al basamento tramite viti ed il piano mobile scorre su due guide a ricircolo di sfere garantendo un ottimale planarità in fase di accostamento stampo.L'impianto idraulico è caratterizzato da una pompa a cilindrata variabile BOSCH-REXROTH con controllo integrato in anello chiuso di portata e pressione e la gestione della pressa è garantita da un multiprocessore OMRON interfacciato da display touch-screen a colori.Anche questa “verticale” può essere attrezzata con un gruppo d’alimentazione per gomma o silicone, sia liquido che solido.